Inizia il nuovo anno di laboratori organizzati da Scenica Frammenti

La sede è il teatro di Lari

Ecco il programma di apertura e presentazione dei vari cicli:

I percorsi vanno da ottobre a luglio, con presentazione dei progetti all’interno di Collinarea Festival 2017.

I corsi saranno tenuti da Loris Seghizzi e Francesco Oliviero.

Presentazione dei corsi (presso il Teatro di Lari)
da 16 a 99 anni,  martedì 4 ottobre ore 21
da 6 a 10 anni, mercoledì 5 ottobre ore 17.45
da 11 a 15 anni, mercoledì 5 ottobre ore 18.45

Le fasce di età così divise sono puramente indicative. Solo dopo aver conosciuto i ragazzi è possibile capire a quale corso è meglio che partecipino. Inoltre, essendo per ogni fascia già presente un gruppo ormai solidamente formato da qualche anno, è possibile che vengano iniziati percorsi paralleli.

Info e iscrizioni

Ci si può iscrivere telefonando al 320.1137908 o al 338.8601128, scrivendo a info@scenicaframmenti.com, venendo al Teatro di Lari dalle ore 10 alle ore 17 dal lunedì al venerdì, oppure alla direttamente alla presentazione dei vari corsi.

 

Contattaci via email

Schede dei laboratori

Laboratorio di teatro per bambini 

 Laboratorio teatrale per ragazzi di età (indicativa) compresa tra i 6 e i 10 anni.

Durata: 10 mesi (da ottobre a luglio) Un incontro settimanale di 1 ora e mezza più spettacolo finale. 

Presso il Teatro Comunale di Lari.

Il laboratorio propone di “giocare” con l’arte. A partire dal gioco ci si conosce e si lavora alla creazione di un gruppo e alle basi della conoscenza dello spazio scenico. Divertendosi si trasmettono principi quali l’attenzione ai compagni, il sostegno, l’ascolto reciproco. Attraverso l’improvvisazione si lavora alla scarica di tensioni e sulla libera espressione. Il teatro non è semplice finzione e si pone come strumento educativo che nei bambini esiste già nella sua forma poetica più pura e autentica. Il bambino sperimenta le proprie emozioni, sensazioni, pensieri e il tipo di relazione con gli altri traducendoli nel linguaggio del corpo; in questo modo, il teatro è realmente un’occasione per crescere, perché basa la propria pratica sulla percezione sincera di sé e degli altri.

Laboratorio di teatro per ragazzi

 Laboratorio teatrale per ragazzi di età (indicativa) compresa tra gli 11 e i 15 anni.

Durata: 10 mesi (da ottobre a luglio)

Un incontro settimanale di 1 ora e mezza più spettacolo finale.

Presso il Teatro Comunale di Lari.

Metodologia teatrale con contaminazione musicale.
A partire da una prima fase di conoscenza, introduttiva e parallela all’arte del teatro, si andrà gradualmente entrando nello specifico, lavorando alla creazione di un personaggio, di una storia, di uno spazio scenico.
Attraverso l’improvvisazione si lavorerà alla scarica di tensioni e sulla libera espressione.
Verrà proposto un lavoro sulla respirazione, sulla conoscenza della propria voce e sulla scoperta delle potenzialità vocali. Attraverso il training teatrale si lavorerà sulle tensioni muscolari, alla conoscenza e all’integrazione del proprio corpo. Attraverso la musica si scopriranno i propri ritmi e se ne sperimenteranno degli altri; con la pratica verrà scoperta la differenza tra i diversi elementi musicali (melodia e armonia), si giocherà con la fantasia soprattutto attraverso la “rumoristica”. In entrambi i casi si imparerà ad utilizzare la voce e il corpo come mezzo per farsi conoscere e ascoltare. Attraverso la creta sarà possibile sperimentare vari tipi di contatto (appoggiare, sfiorare, premere) e lavorare sulle tensioni muscolari.

Laboratorio teatrale per adulti

Durata: 10 mesi (da ottobre a luglio)

Un incontro settimanale serale. Due o più incontri settimanali in occasione di studi/spettacoli.

Da qualche anno Scenica Frammenti lavora con l’intento di formare una Compagnia Laboratorio, ovvero una Compagnia dove si possano formare attori da poter eventualmente integrare alle produzioni della Compagnia primaria e non solo produrre studi/spettacoli proposti nel percorso dell’anno di lavoro.
Il lavoro affronterà tre temi fondamentali: Il training e la preparazione fisica, l’attitudine scenica in rapporto alla luce e allo spazio e La messa in scena. E parte dell’immenso lavoro che gravita intorno a questi tre temi.
Il teatro è comunicazione, scambio verbale ed emozionale, il teatro è specchio della vita, ipotetica zona franca dell’essere umano, luogo dove si può fare ciò che nel quotidiano verrebbe giudicato folle, frenato e obbligato dagli schemi. In teatro tutto è lecito, ogni istante è importante ma nulla e nessuno indispensabile. Il teatro è lo specchio della vita e non viceversa, cosicché non si perda mai il contatto con la realtà ma si possa decidere quando e come far diventare la propria vita, per un attimo, un’ora, un giorno o qualcosa di più, il mondo fantasioso pensato nei sogni, che siano essi ad occhi chiusi nella notte o ad occhi aperti in qualsiasi momento della giornata. Esattamente quello che succede da bambini, quando la vita è da scoprire ed ogni accadimento è una sorpresa. Per non rompere mai il filo che tiene legati all’infanzia. Mai.